• Libertà di scelta per i nostri elettori

    La coalizione guidata dall’Avv. Damiano Cardiello comunica alla cittadinanza la propria posizione politica in vista del ballottaggio di domenica 17 e lunedì 18 ottobre.

    Avevamo preannunciato di rendere pubblica la nostra scelta e così abbiamo fatto, rispettando uno dei principi cardine del nostro percorso: la trasparenza.

    A seguito di una attenta riflessione e dopo un cordiale colloquio con entrambi i candidati contendenti, la valutazione che segue è frutto di un ragionamento politico collegiale.

    Il voto è un diritto oltre che un dovere, per questo diamo indicazione ai nostri elettori di scegliere liberamente chi dovrà amministrare la Città per i prossimi cinque anni.

    Noi lavoreremo con senso di responsabilità per il bene della nostra comunità, votando favorevolmente, come già fatto in passato, provvedimenti di grande respiro afferenti sicurezza, politiche sociali, attività produttive e urbanistica.

    Mentre ci opporremo con fermezza e senza sconti al fine di garantire legalità e imparzialità, quando arriveranno in consiglio comunale atti ad personam o verranno promosse nomine di impresentabili a capo di settori comunali strategici.

    Resteremo al fianco degli ebolitani e continueremo a garantire ascolto e partecipazione alla vita politica – amministrativa della nostra amata Eboli con un gruppo consiliare formato da due consiglieri comunali.

  • Il futuro di Eboli a 50 euro.

    Questa è la somma ‘stabilita’ per la compravendita dei voti partita con l’ultima settimana di campana elettorale.
    Oltre alla rabbia per una storia che si ripete nella nostra Città dal 2015, il dolore per la paura e la remissione che travolge i cittadini ebolitani.
    Gente perbene che ancora una volta di trova a far i conti con chi vive la politica e l’amministrazione comunale come un affare personale da gestire a suon di euro.
    L’unica cosa che cambia è il costo del voto: con otto candidati a sindaco la concorrenza cresce, quindi anche il prezzo.
    Nelle passate elezioni per accaparrarsi il consenso elettorale bastavano venti euro, una foto, un segnale, ed il conto veniva saldato.
    Se alle elezioni del 2020 abbiamo deciso di non scendere in campo denunciando la mancanza di agibilità politica ci sarà un perché.
    Con l’ombra della delinquenza che sovrastava il Comune di Eboli per la gestione di appalti poco trasparenti nei più disparati settori ( parcheggi, piano di zona ecc…), ad oggi queste vicende non sono state chiarite dalle Istituzioni sovracomunali, Prefettura e Procura di Salerno in primis.
    Una decisone sofferta ma con la speranza e la determinazione di aiutare la città a rialzare la testa quando ci fossero state le condizioni.
    Le elezioni di domenica prossima rappresentano un’occasione per Eboli, un’occasione messa a rischio da manovre finanziarie delinquenziali adottate nel modo più squallido che possa esserci: facendo leva sulle difficoltà di cittadini che vivono già condizioni finanziarie precarie e rimasti schiacciati dalla pandemia.
    Eboli non merita questo, non un’altra volta.
    Eboli non può rivivere l’imbarazzo e la vergogna di ritrovarsi sulla stampa nazionale per vicende giudiziarie ed un altro commissario al governo della città.
    C’è in gioco la dignità di tante persone perbene.
    C’è in gioco il futuro di Eboli che non può valere 50 euro.
    Per questo stamani abbiamo presentato un esposto alla Procura di Salerno, al Comando Provinciale dei Carabinieri, al Comando Provinciale della Guarda di Finanza, al Questore di Salerno e nuovamente al Prefetto affinchè presidino i seggi all’esterno e all’interno.
    Inoltre al Presidente della Corte di appello abbiamo inviato affinchè nella cabina elettorale si entri senza borse e cellulari.
    Questa azione che muoviamo a tutti i livelli rappresenta l’unico strumento per garantire agli ebolitani un voto libero.
    Chiediamo agli altri sette candidati Sindaco di sottoscrivere un documento comune in tal senso e chi non lo vorrà fare dovrà spiegarlo ai cittadini.
    Eboli non vale 50 euro.
    La democrazia e lo stato di diritto tornino in questa città e le Istituzioni non siano indifferenti.

  • De Iesu smaschera l’inadeguata gestione della macchina amministrativa targata Di Benedetto

    Per un attimo sembrava di ritornare indietro con le lancette dell’orologio a circa 3 anni fa, quando in un infuocato consiglio comunale sul bilancio e conto consuntivo la nostra opposizione metteva nero su bianco i danni prodotti dall’allora vice sindaco Di Benedetto.
    Era proprio lui, in qualità di Vice Sindaco, a difendere strenuamente l’operato dell’amministrazione comunale Cariello, sotto il profilo contabile e amministrativo.
    Ma non finisce qui.
    La farsa è continuata per anni ed è culminata addirittura pochi mesi fa, quando con una nota stampa, ripresa dagli ultimi seguaci rimasti, ha magnificato il proprio operato, dimenticando alcuni problemi pendenti.
    Oggi, dopo la conferenza stampa del Dott. De Iesu, appare chiaro che la realtà dei fatti sia totalmente diversa da quanto raccontato.
    Infatti, il Commissario straordinario dopo soli sei mesi ha evidenziato “ alcuni punti critici, frutto di una inadeguata capacità di gestire la macchina comunale” che lasciano letteralmente basiti e con l’amaro in bocca:

    1) Una montagna di debiti fuori bilancio: l’ultimo regalo dell’ex amministrazione.

    Nel bilancio 2021, dopo l’arresto dell’ex sindaco, il Commissario si è visto costretto a fronteggiare un’emergenza: riconoscere circa € 1.500.000 di debiti fuori bilancio.
    Di questa somma, circa € 817.000 comprensivi di interessi, derivano da un contenzioso vinto dalla ditta Ladurner che gestisce il sito di compostaggio.
    E su questa vicenda, occorre meditare molto circa la scellerata gestione posta in essere dagli ex amministratori comunali.
    Questi soldi, infatti, dovranno essere sborsati dal Comune e pagati dagli ebolitani sotto forma di tasse comunali!

    2) La carenza di risorse umane, che comprime la capacità organizzativa del Comune.

    Ma vi ricordate gli annunci in termini di assunzioni praticamente in tutti i settori?
    Ebbene, quegli annunci sono rimasti solo sulla carta mentre i numeri attuali delle risorse umane restano sotto soglia tale da garantire servizi celeri ai cittadini.

    3) Cimitero di Eboli: bocciata la frammentazione degli appalti

    Lo abbiamo detto a più riprese e nel corso degli ultimi cinque anni.
    Le ombre che si addensavano sul cimitero, a causa di una pessima gestione, sono state confermate dalla recente inchiesta della Procura di Salerno e dal Commissario.
    La manutenzione dei loculi, l’omologo servizio del verde e la gestione delle lampade votive, da ora in poi, avranno un unico riferimento grazie all’accorpamento dei servizi e ad un appalto unico che garantirà maggiore trasparenza e legalità.

    4) Stazione unica appaltante: addio alla CUC Sele Picentini

    Come dimenticare le nostre barricate in consiglio comunale su un tema che forse non appassiona i cittadini ma che è fondamentale nell’ottica di dare impulso agli appalti pubblici.
    La Centrale unica di committenza, con capofila il Comune di Bellizzi, ad oggi non ha dato garanzie in termini di celerità amministrativa e trasparenza degli atti, risultando il servizio costoso e poco efficiente.
    Da adesso in avanti le spese gestionali saranno pari solo a 8000 euro annui e l’adesione alla centrale unica di committenza della Valle dell’Irno ci soddisfa.

    5) Manutenzione del verde cittadino: l’erba alta e le responsabilità politiche.

    De Iesu è stato chiaro: l’appalto per la manutenzione del verde urbano e lo sfalcio delle erbacce è stato affidato regolarmente nel 2019 ma nessuno sa perché il contratto non è stato sottoscritto, nel mentre si è proceduto ad affidamenti diretti con lotti frazionati e a settembre 2020 si sono svolte le elezioni comunali.
    Un filo diretto o semplice coincidenza?
    Non è dato saperlo, intanto abbiamo avuto disagi fortissimi legati all’erba alta in centro come nelle periferie.
    Occorre proseguire sulla strada della pianificazione e puntare ad un decoro maggiore.

    Questi e non solo, rappresentano i risultati di cinque anni fallimentari che hanno devastato l’immagine e la credibilità della nostra amata Eboli.
    L’inadeguata gestione della macchina amministrativa targata Cariello e Di Benedetto non è passata inosservata e bene ha fatto il Commissario straordinario a dettagliarne gli aspetti per informare i cittadini che, nel segreto dell’urna, volteranno definitivamente pagina.

  • Festività di San Vito e ritorno alle tradizioni: appello al Commissario De Iesu

    Eboli vive un momento buio e di generale insoddisfazione pubblica, ma può rialzarsi con poche e semplici mosse.
    Abbiamo la prima occasione pubblica, dopo tutte le restrizioni e il lockdown generalizzato.
    La festività del Santo Patrono di Eboli, assai sentita sotto il profilo religioso, e solennità di indiscussa appartenenza cittadina, va valorizzata come si deve, nel rispetto delle norme anti covid.
    Per questo ci sentiamo in dovere di formalizzare alcune proposte operative per rendere il 15 giugno 2021, un giorno dove le tradizioni e l’appartenenza trovano spazio e accompagnano la ripresa delle attività commerciali, duramente colpite durante la pandemia:

    • Benedizione dei cani.
      Un rito, antichissimo, legato al culto di San Vito, patrono di Eboli e protettore dei cani da svolgersi lunedì 14 giugno, in Piazza della Repubblica.
    • Posizionamento delle bancarelle in Piazza della Repubblica.
      Tale proposta prende spunto dalla possibilità di riportare entusiasmo per i più piccoli e coinvolgimento delle famiglie.
      D’altronde vengono svolti regolarmente i mercati in diverse zone della Città e gli ebolitani si mostrano sensibili e disciplinati rispetto le regole vigenti in materia.
      Il tutto con la predisposizione di ingressi e uscite in due varchi e con un minore numero di stalli tale da garantire presenza ma minor possibilità di assembramenti.
    • Chiusura al traffico di Viale Amendola e Via Ripa.
      Dalle ore 16.00 alle ore 23.00 creare una zona pedonale ampia che coinvolga il cuore della Città, dando la possibilità a numerosi bar e ristoranti di poter somministrare piatti della tradizione e offrire momenti di svago musicale ai più giovani.
    • Sospensione del pagamento dei parcheggi in centro e negozi aperti fino alle 23.00.
      D’intesa con le associazioni di categoria, tale provvedimento si rende necessario al fine di attirare numerosi cittadini delle zone limitrofe, invogliandole a spendere nei nostri negozi.
    • Controlli stringenti per garantire sicurezza in centro e nelle periferie.
      Una assoluta urgenza per garantire serenità a visitatori e fedeli, da realizzare  con pattugliamenti congiunti delle Forze dell’Ordine presenti sul territorio.

    Con queste proposte siamo sicuri di dare impulso alle attività commerciali lungo le vie del centro e lanciare un segnale di ritrovata fiducia alle famiglie per un periodo di “normalità” che ci auguriamo definitivo.”

     

  • Il comune di Eboli diventa terra proibita per la democrazia:

    A causa di una impunità generalizzata, illegalità diffusa, prendiamo atto che mancano le condizioni di agibilità politica.
    In questo contesto e con il relativo clima avvelenato venutosi a creare, c’è la consapevolezza che le persone perbene restino isolate.
    Con i documenti ritirati e tutto pronto per la consegna, sono profondamente rammaricato nel dover comunicare che non concorrerò alle elezioni a sindaco di Eboli. Questo annuncio, inaspettato e improvviso arriva dopo cinque anni di incessante lavoro sul territorio, tra la gente e al servizio dei cittadini che hanno la legalità nel cuore.
    Pochi giorni fa, insieme ai vertici della coalizione civica, ho dovuto constatare che non c’erano più le condizioni politiche e di agibilità per svolgere serenamente la campagna elettorale. Questa scelta nasce anche a seguito di alcune vicende che, di anno in anno, continuano a perdurare sul nostro territorio.
    Basti pensare alle ombre della camorra, come citato dalla stampa locale, che sovrastano il Comune di Eboli per la gestione dei parcheggi, vicenda mai chiarita dalle Istituzioni sovracomunali (Prefettura in primis) nonostante nostre esplicite richieste.
    Senza dimenticare, poi, le gravi minacce subite dal sottoscritto nel mese di luglio 2017 da un imprenditore locale che ha ricevuto affidamenti diretti e ha continuato ad aggiudicarsi bandi pubblici, nonostante tutto. Il motivo di questa acerrima ostilità erano le richieste di accesso agli atti fatte per dovere di trasparenza ma che davano fastidio, andavano a mettere le mani dove non dovevano. Quell’episodio, ad oggi, resta impunito e il fascicolo ancora pendente.
    Vien da chiedersi se Eboli sia un’isola felice dove regnano sviluppo e legalità, oppure sia stata cancellata d’un tratto dalla geografia giudiziaria e questo lo dico senza avere alcun interesse politico, come qualcuno vorrebbe far credere, ma con un unico intento: accertare se esista un “sistema” che soffoca l’ordinario svolgimento amministrativo e politico in Città.
    E questo andava chiarito dalle Autorità preposte ben prima delle elezioni comunali, onde salvaguardare da un lato la fiducia dei cittadini nelle Istituzioni, scomparsa di fatto e relegata a mero principio astratto, e dall’altro il regolare svolgimento delle elezioni amministrative.
    Vicende che sommate alle continue notizie riportate settimanalmente dai quotidiani locali, rendono queste elezioni,  non un alto momento politico, ma una farsa degna del peggiore sceneggiatore.
    Anche alla luce di questa consapevolezza, ascoltati cittadini e candidati, ho ritenuto doveroso fare un passo indietro.
    Questa decisione la prendo con piena consapevolezza, anche in virtù di quanto abbiamo costruito in questi cinque anni di battaglie, con oltre 200 tra interrogazioni comunali, mozioni ed emendamenti presentati in consiglio comunale.
    Per questo, mi corre l’obbligo di ringraziare chi mi è stato vicino e continuerà a farlo senza alcun tentennamento, tra cui il collega Fido Santo Venerando e tutti gli amici/simpatizzanti del nostro movimento politico.
    Un lavoro che non solo non andrà perso, ma che intendo proseguire concretamente, seppure in altre forme, per il rilancio del territorio e di tutti i cittadini perbene di Eboli.

    Eboli,22/08/2020

  • Bar, ristoranti e pizzerie: un aiuto concreto per dargli supporto.

    La presente proposta muove dal presupposto che sia urgente offrire più spazi in strada per poter posizionare sedie, sgabelli, gazebo e dehors, con gli unici due limiti che saranno la capacità operativa del locale, ossia innanzitutto il numero dei bagni per i clienti (fino a 30 posti con un bagno) e la compatibilità con il vicinato. Verranno consentite, tra l’altro, procedure semplificate per avere le necessarie autorizzazioni.
    Con il “permesso di utilizzo temporaneo Eboli free Covid” potranno accedervi sia i locali che già hanno un’autorizzazione e vogliono ampliare l’area con i tavolini, sia quelli che invece non hanno alcuna autorizzazione.
    La richiesta andrà fatta direttamente allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di Eboli (Suap).
    Il Comune, ovviamente, si riserva comunque di fare controlli e valutare una riduzione delle aree.
    Tavolini e ombrelloni potranno essere installati nelle aree pedonali o finanche in strada, sulla carreggiata, dove vige il limite inferiore a 30 km orari, sulle strisce per la sosta, e per i locali che non hanno spazi liberi prospicienti, sui marciapiedi opposti o in un’area entro 15 metri dal proprio locale.
    L’obiettivo, infatti, è quello di venire incontro alle esigenze dei commercianti piegati dalla crisi del Coronavirus, ma anche di dare la possibilità di ospitare più clienti ai locali che hanno visto ridotta la propria capacità ricettiva a causa delle norme sul distanziamento sociale.
    Tali modalità operative avranno durata fino al 31/10/2020 e l’occupazione di suolo pubblico con arredi funzionali all’attività di ristorazione (dehors, attrezzature, pedane, tavolini, sedute e ombrelloni, con esclusione di elementi infissi al suolo) da parte dei titolari degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande” sia agli operatori già titolari di concessione di suolo pubblico, in ampliamento dell’occupazione di suolo pubblico già autorizzata, nonché a tutti gli operatori non già titolari di concessione di suolo pubblico. In entrambi i casi, il limite massimo è “commisurato alla capacità operativa del pubblico esercizio e dell’esercizio di vicinato”.
    Le occupazioni sono esonerate dal pagamento del canone di occupazione di suolo pubblico fino al 31/10/2020 ed il ristoro dalla mancata riscossione del canone Cosap è demandato alla ripartizione dell’apposito Fondo istituito nello stato di previsione del Ministero dell’interno, con criteri di ripartizione fra gli enti interessati che saranno individuati nell’emanando Decreto Legge.
    Per il rilascio del provvedimento di autorizzazione denominato “permesso utilizzo temporaneo spazi emergenza Covid”, gli operatori dovranno presentare apposita domanda tramite portale Suap, allegando la dichiarazione del titolare dell’attività sul possesso dei requisiti e la planimetria dell’occupazione che si intende effettuare.
    Se nella domanda si allega anche la relazione tecnica asseverata, l’occupazione potrà essere immediatamente effettuata a partire dal 1° giugno 2020, nelle more del rilascio del titolo autorizzatorio. In tale ipotesi il titolare dell’attività dovrà esibire, in caso di controlli, la ricevuta telematica della richiesta presentata, la planimetria e la relazione tecnica asseverata.

  • Alloggi popolari: sisma ed eco bonus occasione unica per eliminare degrado.

    Sono anni che assistiamo famiglie disagiate che vivono situazione di assoluto degrado e scarsa manutenzione da parte degli Enti proprietari, tra cui IACP e Comune di Eboli per gli alloggi ERP.
    Raccomandate, diffide e pec non servono a colmare il “vuoto istituzionale” intorno queste abitazioni.
    Registriamo scene terribili e che fanno riflettere sul concetto di equità sociale: famiglie costrette ad avviare lavori di messa in sicurezza e manutenzione in proprio, bagni fatiscenti, problemi di umidità pressochè costanti e scarso decoro.
    Interi quartieri, tra cui il Rione Pescara, Paterno e Piazza Borgo soffrono la carenza di un piano di interventi strutturali ordinari e straordinari.
    Vivere in queste condizioni per migliaia di persone è diventato un incubo e neanche le promesse da campagna elettorale fatte e pronte per essere rifatte servono a risolvere questi problemi, anzi li aggravano.
    Una grande opportunità, vista l’emergenza COVID19 e il varo del Decreto “Rilancio” è offerta dall’eco e sisma bonus.
    Con le detrazioni fiscali al 110% per gli interventi di ristrutturazione edilizia permettono di migliorare gli edifici dal punto di vista dell’efficienza energetica, praticamente a costo zero.
    Potranno essere ristrutturati gli edifici dal punto di vista energetico ma anche messi in sicurezza.
    Gli alloggi popolari sia in quota IACP che ERP possono beneficiare della detrazione relativa agli interventi di efficienza energetica.
    Per questo motivo, abbiamo inviato una nota a mezzo pec al Commissario Liquidatore IACP Salerno e al Sindaco di Eboli, al fine di pianificare interventi mirati e ridare dignità a famiglie e residenti.
    Si tratta di una proposta operativa da sfruttare immediatamente, senza aver più problemi di risorse economiche che impediscono il benchè minimo intervento strutturale.”
    Eboli, 27/05/20

     

  • Proposta di riapertura mercati settimanali e maggiori risorse alla Polizia Municipale

    In qualità di capogruppo consiliare, visto il buon andamento della curva epidemiologica nella nostra Regione e considerato il momento di grave difficoltà finanziaria, abbiamo invitato il Sindaco a riaprire il mercato alimentare in Piazza XXV Aprile e quello vestiario-merceologico al rione della Pace.
    La misura darebbe supporto non solo alle famiglie degli ambulanti ma anche ai cittadini che avrebbero l’opportunità di acquistare materie prime a prezzi contenuti.
    Ovviamente gli ingressi dovranno segnalati con segnaletica ed essere contingentati sia in entrata che in uscita, con l’ausilio del nucleo di Protezione Civile e misurazione della temperatura corporea, oltre l’uso di dispositivi individuali di protezione.
    Nel contempo, urge una variazione di bilancio per supportare l’azione della Polizia Municipale, con risorse economiche per gli straordinari, così da rendere effettivi i controlli fino alle ore 23.00.
    Tale misura si rende necessaria a causa di numerosi assembramenti formatesi in città nelle ore serali e nei luoghi pubblici aperti.

  • Solidarietà batte epidemia: anche l’atelier di Anna Monaco aiuta la nostra Città.

    Sono passati solo poche settimane dall’ inizio della distribuzione delle mascherine verso disabili, dializzati e famiglie bisognose ma l’eco di questa iniziativa è andato al di là di ogni aspettativa.
    L’imprenditrice Anna Monaco, titolare dell’omonima attività per abiti da sposa con sede in Battipaglia (SA), che vanta ha una tradizione storica nel mondo dell’atelier, ci ha contattato per mostrare il lato vero del cuore campano: la solidarietà.
    E così, grazie all’ impegno di tanti volontari in questo momento drammatico per l’Italia, ha prodotto n.1300 mascherine artigianali realizzate in doppio strato di TNT (tessuto-non-tessuto).
    Il materiale utilizzato sopporta fino a 12 lavaggi garantendo, quindi, la riutilizzazione delle stesse e un risparmio economico per chi le indosserà.
    L’estro creativo, inoltre, ha consentito la produzione anche di dispositivi protettivi specifici per bambini, con l’aggiunta di colori per donare anche un sorriso ai più piccoli costretti a rimanere in casa.
    Grazie a questo ulteriore contributo, nei prossimi giorni continuerà la distribuzione, così potendo ampliare la platea dei richiedenti, viste le centinaia di richieste di supporto che ci sono pervenute.
    #Eboliresiste
    #AnnaMonaconEboli